AMIU Taranto - Azienda multiservizi

In merito al pagamento della TARI 2021, gli uffici della Direzione Tributi del Comune di Taranto sono disponibili per ogni e qualsiasi chiarimento inerente il pagamento della Tari mediante il Numero Verde 800 893900 ATTIVO dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00. Sono attivi, altresì, i seguenti indirizzi mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ed è inoltre possibile collegarsi allo sportello telematico "Linkmate" per scaricare i relativi modelli di pagamento ed ottenere tutte le informazioni necessarie.

Oltre 400 sacchi di rifiuti indifferenziati, decine di carrellati pieni di vetro, ingombranti di ogni genere come materassi, lavatrici e addirittura una barca abbandonata. Questi sono alcuni numeri del World Clean Up Day 2021, che si è tenuto la scorsa settimana. Due giorni dedicati alla pulizia dei luoghi comuni, a livello globale, e Taranto si è distinta per impegno e risultati ottenuti. Le associazioni SiAmo Taranto, Retake Taranto, Pro Loco Capo San Vito, Comitato Pezzavilla Verde&Sport, Aps Pittaggio del Baglio, Federconsumatori, Plasticaqquà, Pro Loco Lama e le sue contrade, Retake Taranto, WWF Taranto, Lovely Taranto Ets hanno messo in campo centinaia di volontari dalla Marina di Taranto, passando per l’Isola Madre, il Lungomare e la foce del fiume Galeso.

Un’azione collettiva di coscienza civica, con Kyma Ambiente che ha fornito il supporto utile al corretto smaltimento dei rifiuti raccolti. E per l’occasione è stata presentata ufficialmente la nuova spazzatrice in dotazione. Un mezzo che utilizza un sistema di alimentazione 100% elettrico, totalmente in linea con le migliori tecnologie esistenti in tema di compatibilità ambientale. Oltre a essere a impatto zero, annulla anche il fenomeno dei rumori, particolarmente sensibile in zone come borghi e centri storici.

«C’è stata una grandissima partecipazione, un vero e proprio esercito della civiltà che ha riportato decoro e igiene in queste parti della nostra città» commenta il presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli. «Taranto diventa sempre più esempio di cittadinanza attiva e a tal proposito abbiamo voluto presentare questa nuova spazzatrice elettrica già in azione per le nostre strade». Un’azione corale per raggiungere un risultato comune: «Grazie alle associazioni, ai volontari, alla rete A…Raccolta! Con il sostegno dell’amministrazione Melucci, l’obiettivo è rendere più vivibile la nostra città».

Passa da Taranto il World CleanupDay, la più grande azione civica positiva esistente. L'obiettivo è ripulire il mondo dai rifiuti e mantenerlo pulito attraverso il piano di riduzione globale. Nel prossimo fine settimana, il 18 e 19 settembre, protagoniste le associazioni tarantine con il supporto di Kyma Ambiente e amministrazione Melucci. Dalla Marina di Taranto al centro cittadino, in programma una serie di iniziative che coinvolgeranno i volontari e tutti quelli che vorranno contribuire a questa azione collettiva. Kyma Ambiente, da sempre al fianco delle varie realtà associative, grazie anche alla positiva esperienza della rete “A…Raccolta!”, metterà a disposizione tutto il materiale utile per la raccolta dei rifiuti e si occuperà di prelevare e smaltire quanto individuato dai volontari.

Si parte sabato 18 settembre alle 9:30 sul tratto costiero della Marina di Taranto per una pulizia del litorale a cura di SiAmo Taranto. Dalle 10:00 Retake Taranto, Pro Loco Capo San Vito e Comitato PezzavillaVerde&Sport saranno impegnate sul Lungomare Vittorio Emanuele III.

Sempre sabato 18 alle ore 11:00, nel tratto antistante piazza Ebalia,sarà presentata alla stampa la nuova spazzatrice elettrica dal sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e dal presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli.

Questo mezzo utilizza un sistema di alimentazione 100% elettrico, totalmente in linea con le migliori tecnologie esistenti in tema di compatibilità ambientale. La spazzatrice, oltre ad essere a impatto zero, annulla anche il fenomeno dei rumori, particolarmente sensibile in zone come borghi e centri storici. Grazie alla sua silenziosità, infatti, consente un’azione efficace e che si concilia alla perfezione con l’ecosistema circostante. Di facile manualità, è adatta per il lavoro all’interno dei vicoli della città vecchia di Taranto ed è già a disposizione di Kyma Ambiente, consolidando il suo parco automezzi.

Alle ore 16:30 ApsPittaggio del Baglio e Federconsumatori in azione a largo San Martino e lungo la sua scalinata nell’Isola Madre di Taranto. Le stesse associazioni ripuliranno via Garibaldi e la sua banchina domenica 19 settembre alle ore 10:30. Sempre domenica, alle 15:30, interventi alla foce del fiume Galeso con Plasticaqquà, Pro Loco Lama e le sue contrade, Retake Taranto e WWF Taranto.

«Anche quest’anno daremo supporto alle associazioni e parteciperemo con grande entusiasmo a questo appuntamento mondiale – commenta il presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli – che vede in prima linea i volontari e i cittadini». Un’azione che coinvolge tutto il territorio e che punta l’attenzione, in particolar modo, sull’Isola Madre di Taranto «Consolidiamo la volontà dell’amministrazione Melucci di migliorare la vivibilità nel nostro borgo antico. Dopo la lavastrade, anche con questa spazzatrice saremo ancora più incisivi nelle nostre operazioni quotidiane».

Gli operatori di Kyma Ambiente hanno collaborato, il 24 agosto 2021, con gli agenti della Polizia Locale e della Polizia di Stato durante le operazioni di rimozione di tutte le strutture di un’attività commerciale, già posta sotto sequestro, dedita alla vendita e somministrazione di alimenti e bevande sulla spiaggia libera di Marina di Taranto.

Gli operatori di Polizia hanno elevato un verbale di 5000 euro per vendita in assenza della prescritta scia e inoltre il trasgressore e stato denunciato per violazione di sigilli poiché la struttura era stata già posta sotto sequestro penale.
Sul posto dieci le unità operative di Kyma Ambiente che hanno sgomberato l’area precedentemente sequestrata. Tralicci, ombrelloni, frigoriferi, sedie e pedane, oltre a bevande e alimenti sono stati trasportati a bordo dei tre mezzi messi a disposizione di Kyma Ambiente e di uno della Polizia Locale e depositati all'interno della sede del comando della
Polizia Locale di Taranto.

Gli spazi occupati abusivamente dalla struttura, in particolare si tratta di un chiosco, sono stati totalmente liberati e ripuliti e restituiti all'uso pubblico.

Le operazioni hanno avuto inizio alle ore 9.30 circa e sono terminate alle ore 14 circa.

L' amministrazione Melucci, dichiara l'assessore Cataldino, ha nel turismo uno degli asset strategici del rilancio del nostro territorio e portare a legalità e sicurezza le attività esistenti è un obiettivo che vogliamo raggiungere.

L'assessore Paolo Castronovi ringrazia tutti gli operatori di Kyma Ambiente e della Polizia Locale per l'importante operazione condotta questa mattina alla presenza tra gli altri degli ufficiali della direzione di Polizia Locale e dirigenti della stessa Kyma Ambiente.

Parte la raccolta differenziata nella zona di Marina di Taranto il 2 agosto in linea con quanto voluto dall'amministrazione comunale.

Kyma Ambiente, infatti, ha provveduto a fornire agli utenti residenti in tutta la zona a ridosso del mare il kit delle pattumelle di Vetro, Multimateriale, Indifferenziato ed Organico per svolgere al meglio la raccolta differenziata oltre ad informare tutti i cittadini sulle corrette modalità di conferimento.

I rifiuti dovranno essere conferiti secondo un preciso calendario di raccolta degli stessi. Le utenze domestiche dovranno esporre i contenitori all'esterno delle abitazioni o delle pertinenze condominiali dopo le ore 22.00 del giorno precedente quello di raccolta. Dopo l'operazione i contenitori vuoti dovranno essere ritirati dagli utenti e custoditi all'interno di abitazioni o pertinenze condominiali. Nessun contenitore dovrà essere esposto il sabato sera poiché la domenica non vi sono turni di lavoro.

Il Presidente, Giampiero Mancarelli, ha dichiarato "Abbiamo consentito a tutti i cittadini di poter ritirare il kit per la raccolta differenziata evitando quanto più possibile i disagi. Nella notte tra lunedì e martedì verranno eliminati i cassonetti stradali della indifferenziata. Una grande sfida per rendere la nostra costa sempre più green.". Il Presidente ha, inoltre, ricordato come con la differenziata il rifiuto diventi una risorsa.

 

 

L'occhio elettronico di Kyma Ambiente contro il "turismo dei rifiuti". Le nuove videotrappole installate sul territorio comunale cominciano a dare risultati più che significativi.
 
In appena 36 ore hanno già immortalato numerosi abbandoni di ingombranti e conferimenti di rifiuti fuori dalle fasce orarie consentite.
 
Sono 43 le sanzioni elevate in meno di due giorni grazie ai dispositivi posizionati su viale Unità d'Italia, strada che collega Taranto a Talsano. In particolare i trasgressori ripresi dalle videotrappole collocate nei pressi del Vivisport, viaggiavano tutti in direzione Taranto e, approfittando dei cassonetti verdi dell'indifferenziato collocati all'ingresso della città, scaricavano rifiuti a qualsiasi ora, anche ingombranti.
 
I residenti e le attività della zona hanno più volte sollecitato l'installazione delle videotrappole per contrastare quello che viene definito il turismo dei rifiuti. Dai paesi della provincia e dai quartieri dove è attiva la raccolta differenziata, infatti, in tanti approfittano della presenza dei cassonetti stradali di confine per scaricare sacchi di rifiuti indifferenziati al loro passaggio verso la città.
 
Un fenomeno aumentato drasticamente nelle ultime settimane e che Kyma Ambiente, in collaborazione con la Polizia Municipale e su impulso dell'amministrazione Melucci, vuole arginare, per garantire igiene e decoro nelle zone maggiormente colpite.
 
I risultati premiano la scelta: 43 sanzioni, da 50 a 500 euro, in 36 ore. Nei prossimi giorni verranno pubblicati anche i risultati delle altre videotrappole installate su viale del Rinascimento, via Ospedalicchio, via Etolia e via Scoglio del Tonno.
 
«Abbiamo risposto ai residenti e alle attività di quella zona - ha commentato il presidente Giampiero Mancarelli -, che chiedevano maggiori controlli attraverso il sistema delle videotrappole. Il fenomeno del turismo dei rifiuti è in aumento e vogliamo contrastarlo per evitare che le postazioni di cassonetti stradali ancora presenti si trasformino in discariche. Continueremo a lavorare affinché le sanzioni comincino a scoraggiare certi cittadini che si credono più furbi di altri. Voglio ringraziare gli operatori della sala di monitoraggio e controllo di Kyma Ambiente che stanno davvero facendo un importante lavoro di repressione unitamente alla Polizia Municipale».

Il sito AMIU Taranto è un progetto realizzato da Parsec 3.26 S.r.l.

Torna all'inizio del contenuto